UPDATE command denied to user 'ewloski'@'10.20.20.17' for table 'fusion_settings' La lingua e la letteratura italiana - j瞛yk w這ski
Nawigacja
W這ski
Artyku造
Forum
Katalog Stron
Szukaj
spacer
Nauka W這skiego
W這ski Gramatyka
W這ski Testy i 鑿iczenia
W這ski Certyfikaty
W這ski Matura
W這ski Wypracowania
W這ski Italianistyka
W這ski S這wnictwo
W這ski R騜no軼i
spacer
Ostatnie Artyku造
Rozmowa z Conrado Mo...
List prywatny - Week...
List prywatny - Prac...
"W這ski w 獞iczeniac...
List prywatny - Opis...
spacer
Reklamy
spacer
Reklamy
spacer
UPDATE command denied to user 'ewloski'@'10.20.20.17' for table 'fusion_articles'
La lingua e la letteratura italiana
La lingua e la letteratura italiana


Tra il IX e il X secolo sorsero le lingue romanze: Portoghese, Catalano, Castigliano, Provenzale, Sardo, Francese, Italiano, Ladino, Dalmatico, Rumeno. Vengono chiamate anche lingue neolatine, perchè sono derivate dal latino stesso che si è andato trasformando nei secoli in modo differente da luogo a luogo. Dobbiamo ricordare due fatti importanti
1) le lingue che nacquero in quel periodo, tra cui anche l'italiano, non erano
le stesse di oggi, ma lingue estremamente varie il cui sviluppo dipese dalla
situazione culturale.
2) in quei secoli è ancora più tardi, la lingua scritta rimaneva sempre il latino.

In Francia il primo documento scritto nella lingua parlata del popolo, cioè in "volgare" risale all'anno 842. Per trovare in Italia un documento simile dobbiamo aspettare fino al 960. Le prime opere di poesia lirica, religiosa e d'amore furoo scritte tuttavia in siciliano, umbro, toscano, milanese, veronese. L'Italia non possedeva un'unica lingua.

Nel Trecento, periodo molto importante per la storia della lingua italiana, visero tre grandi scrittori toscani: Dante, Petrarca, Boccaccio.

Dante Alighieri (1265-1321), considerato il padre della lingua italiana, con la sua "divina commedia" difese l'uso del volgare, che riteneva più facilmente comprensibile del latino, in particolare da parte di quegli italiani che, non conoscendo il latino, non potevano accostarsi alle opere di cultura.

Francesco Petrarca (1304-1374) il grande poeta d'amore, scrisse e dedicò ad una donna di nome Laura, di cui era innamorato senza speranza, la sua opera più nota, il "Canzoniere", che venne pubblicato qualche anno dopo la "Divina Commedia".

Giovanni Boccaccio (1313 - 1375) è autore di "Il Decamerone", primo vero esempio di prosa narrativa.

Questi capolavori, scritti in fiorentino, rappresentarono soprattutto modelli di lingua e di stile, ed il fiorentino stesso, grazie alla sua dolcezza, alla sua
eleganza ed alla sua minore lontananza dal latino rispetto agli altri dialetti, divenne col tempo la lingua di tutti gli italiani.

Delperiodo del Rinascimento possiamo ricordare i poeti epici Ludovico Ariosto
e Torquato Tasso. Il primo è l'autore de "L'Orlando Furioso", il secondo de "La Gerusalemme liberaata". Uno dei più apprezzati grandi poeti del passato (prima metà dell'Ottocento) è Giacomo Leopardi. All'Ottocento appartiene anche un altro grande scrittore, Alessandro Manzoni, l'autore de "I promessi sposi".

Nella letteratura italiana del Noveccento si possono differenziare due correnti principali: quella del romanzo a sfondo storico-sociale (Verga, Bacchelli, Silone) con componenti neorealistiche affini a quelle del cinema (Pavese, Moravia, Pratolini, Cassola), e quella del romanzo psicologico con venature kafkiane (Buzzati) o psicanalitiche (Svevo, Moravia, Bassani).

Per quanto riguarda la poesia del Novecento i nomi più noti sono quelli di Ungaretti, Quasimodo e Montale.

L'italiano non è làunica lingua parlata in Italia. esistono zone in cui si parla il tedesco, il francese, il greco, l'albanese.

In Italia, più che nel resto d'Europa, esistono numerosissimi dialetti, che secondo l'opinione comune costituiscono delle specie di lingue piuttosto primitive. I dialetti hanno invece un'origine latina, una loro grammatica ed un ricco vocabolario. L'italiano resta comunque la lingua nazionale ufficiale usata nelle scuole, negli uffici pubblici, in televisione, anche se in alcune zone l'uso del dialetto nelle famiglie e nella vita quotidiana è particolarmente diffuso. Il 90% degli italiani è bilingue, nel senso che sa parlare sia in italiano che nel proprio dialetto.
Capita spesso che nella stessa provincia, in due cittadine vicine, si parlino due dialetti così diversi, che gli abitanti di quei paesi faticano a capirsi tra loro. I dialetti meridionali e quelli delle isole, il sardo e il siciliano, sono molto difficili da comprendere da chi non sia nativo di quelle zone.

la letteratura italiana - literaatura w這ska;
il secolo - wiek;
nascere - rodzi si;
la lingua romanza - j瞛yk roma雟ki;
il portoghese - j瞛yk portugalski;
il catalano - j瞛yk katalo雟ki;
il castigliano - j瞛yk kastylijski;
il provenzale - j瞛yk prowansalski;
il sardo - j瞛yk sardy雟ki;
il francese - j瞛yk francuski;
l'italiano - j瞛yk w這ski;
il ladino - j瞛yk retoroma雟ki;
il dalmatico - j瞛ykl dalmaty雟ki;
il rumeno - j瞛yk rumu雟ki;
le lingue neolatine - j瞛yki roma雟kie, nowo豉ci雟kie;
il latino - j瞛yk 豉ci雟ki;
la lingua scritta - j瞛yk pisany;
la lingua parlata - j瞛yk m闚iony;
il popolo - lud;
il volgare - j瞛yk potoczny;
il documento - dokument, tekst;
l'opera - dzie這;
la poesia lirica - poezja liryczna;
religioso - religijny;
d'amore - mi這sny;
siciliano - sycylijski;
umbro - umbryjski;
toscano - toska雟ki;
milanese - mediola雟ki;
veronese - wero雟ki;
comune - wsp鏊ny;
la storia della l. italiana - historia j瞛yka w這skiego;
il padre della lingua italiana - ojciec j瞛yka w這skiego;
"La Divina Commedia" - "Boska Komedia";
comprensibile - zrozumia造;
innamorato - zakochany;
senza speranza - bez nadziei;
pubblicare - puublikowa;
narrativo - narracyjny;
il capolavoro - arcydzie這;
lo stile - styl;
la dolcezza - tu: melodyjno嗆, harmonijno嗆;
l'eleganza - elegancja;
il Rinascimento - Renesans;
il poeta epico - poeta epicki;
apprezzato - doceniany;
lo scittore - pisarz;
l'epoca - epoka;
le correnti (letterarie) - nurty (literackie);
il romanzo - powie嗆;
neorealistico - neorealistyczny;
il romanzo psicologico - powie軼 psychologiczna;
psicanalitico - psychoanalityczny;
la poesia del Novecento - poezja (XX wieku);
noto - znany;
il tedesco - niemiecki;
il francese - francuski;
il greco - grecki;
l'albanese - alba雟ki;
il dialetto - dialekt;
primitivo - prymitywny;
l'origine latina - pochodzenie 豉ci雟kie;
la lingua ufficiale - j瞛yk oficjalny;
bilingue - dwuj瞛yczne;
la provincia - prowincja

Italiano. Repetyorium
tematyczno - leksykalne
A. Jenerowicz, C. Giorgi
wyd. WAGROS, Pozna 2007




9307 Czyta · Drukuj
Oceny
Dodawanie ocen dost瘼ne tylko dla zalogowanych U篡tkownik闚.

Prosz si zalogowa lub zarejestrowa, 瞠by m鏂 dodawa oceny.

Brak ocen.
W徠ki na Forum
Najnowsze Tematy
nike air zoom pegasu...
nike air vapormax 36...
nike sb dunks city pack
nike blazer mid 77 v...
Najciekawsze Tematy
Co sadzicie o str... [91]
co tu tak spokojn... [73]
Muzyka [64]
JAK SI ZA TO ZAB... [47]
spacer
Reklamy
spacer